Skip to Main content Skip to Navigation
Book sections

Ansperto e il papato : una relazione difficile

Résumé : Ansperto e il papato: una relazione difficile La storia delle relazioni tra Ansperto e la sede romana risponde a motivazioni che non hanno niente a che fare con preoccupazioni di ordine pastorale, spirituale o dogmatico. Non si riduce neanche a un dialogo tra l'arcivescovo e il papa. Va in effetti letta in chiave quasi esclusivamente politica, in una partita triangolare che si gioca anzitutto tra Roma e l'Impero ma nella quale le scelte del prelato milanese hanno avuto un peso decisivo. Ripercorrere queste vicende non è altro che rileggere la storia del regno d'Italia, negli anni cruciali che precedono l'implosione dell'impero carolingio nell'888. Tra le righe si possono però anche cogliere motivi di antagonismo di ordine istituzionale tra la chiesa romana, tentata dal centralismo, e la sede metropolitana che intendeva resisterle con tutte le sue forze. Sebbene aiutati da informazioni relativamente abbondanti, dobbiamo considerare tuttavia che la nostra conoscenza dei fatti dipende in gran parte dalla fonte papale, ovvero dal registro della corrispondenza di Giovanni VIII 1. Unico registro pontificio tramandato dal tempo di Gregorio Magno, è certo inutile sottolinearne l'importanza storica, nonostante le sue lacune (i codices papiracei che lo componevano sono stati copiati nell'XI secolo, quando il materiale relativo ai primi anni del pontificato, da dicembre 872 ad agosto 876, era già perso o in condizioni di conservazione troppo cattive per essere riprodotto) 2. Per un periodo di un po' meno di quattro anni, dalla primavera 877 a febbraio 881, il registro di Giovanni VIII ci ha tramandato una ventina di lettere, il cui destinatario o l'argomento principale è Ansperto di Milano, che permettono di seguire passo dopo passo gli alti e bassi di una relazione conflittuale, sulla quale però le fonti milanesi tacciono ostinatamente. Per valutare l'importanza della sede milanese negli anni centrali del IX secolo, quando Ansperto era ancora diacono, bisogna tenere conto in primo luogo della sua posizione nella geografia ecclesiastica. La chiesa metropolitana nel corso dei secoli aveva subito un notevole ridimensionamento, perdendo il controllo delle diocesi di Como (suffraganea di Aquileia dall'inizio del VII secolo, nel contesto dello scisma dei Tre Capitoli), di Piacenza (passata sotto l'influenza di Ravenna nel corso del VII secolo), di Pavia (posta sotto la dipendenza diretta di Roma dall'VIII secolo) e da ultimo di Coira (passata sotto Magonza a seguito della pace di Verdun nell'843). Contestualmente a queste perdite, però, la stessa chiesa metropolitana si era "arricchita" di una nuova sede vescovile creatasi a Mantova (nel VII secolo?), occupava il centro nevralgico del regno e manteneva la sua autorità non solo sulla maggior parte della Lombardia ma anche sul Piemonte e sulla Liguria, come dimostrano le sottoscrizioni dei vescovi presenti al concilio indetto da Tadone (863-868) nell'autunno 863: Bergamo, 1 Registrum Iohannis VIII. papae, ed. E. Caspar, in MGH, Epistolae, VII, Berolini 1928, pp. 1-272. Il registro è stato già ampiamente sfruttato per ricostruire le vicende della storia oggetto del presente contributo: cfr. M. G. Bertolini, Ansperto, in Dizionario biografico degli Italiani, III, Roma 1961, pp. 422-425; B. Gorla, L'arcivescovo Ansperto e suoi rapporti con Giovanni VIII, in Ricerche storiche sulla chiesa ambrosiana, II, Milano 1971, pp. 24-115; D. Arnold, Johannes VIII. Päpstliche Herrschaft in den karolingischen Teilreichen am Ende des 9. Jahrhunderts, Frankfurt am Main 2003, pp. 186-192. 2 Cfr. D. Lohrmann, Das Register Papst Johannes' VIII., 872-882: Neue Studien zur Abschrift Reg. Vat. I, zum verlorenen Originalregister und zum Diktat der Briefe, Tübingen 1968 (Bibliothek des Deutschen historischen Instituts in Rom, 30). Altri elementi della corrispondenza sono stati tramandati, in maniera frammentaria, nelle collezioni canoniche: Fragmenta registri Iohannis VIII. papae, ed. E. Caspar, in MGH, Epistolae, VII, pp. 273-312
Document type :
Book sections
Complete list of metadata

Cited literature [31 references]  Display  Hide  Download

https://halshs.archives-ouvertes.fr/halshs-01706922
Contributor : François Bougard <>
Submitted on : Thursday, May 21, 2020 - 5:09:54 PM
Last modification on : Saturday, October 31, 2020 - 5:14:43 PM

File

Ansperto e Roma.pdf
Files produced by the author(s)

Identifiers

  • HAL Id : halshs-01706922, version 1

Collections

Citation

François Bougard. Ansperto e il papato : una relazione difficile. Ansperto da Biassono, éd. Martina Basile Weatherhill, Manuela Beretta et Miriam Rita Tessera, Milano, Scalpendi (Milano medievale), p. 21-35, 2018. ⟨halshs-01706922⟩

Share

Metrics

Record views

93

Files downloads

61